L’ intervista in arrivo che vi riguarda da vicino

Il mio blog va in ferie ad agosto, in attesa di una grande novità: intervista in arrivo! A partire da settembre, pubblicherò due articoli al mese. Il primo riguarderà un nuovo argomento, l’altro presenterà un case study sempre su questo Blog. Oppure un’intervista, nella pagina Testimonianze.

Perché l’intervista? Dal 1991 ad oggi ho formato circa trentamila persone, in ambito accademico, scolastico e aziendale. Durante questa lunga attività ho incontrato dei professionisti di rilievo, compresi gli studenti che lo sarebbero diventati. Ancora non immaginavano che avrebbero tagliato traguardi al di là delle loro stesse aspettative! È stato proprio l’incontro con moltissimi giovani a incrementare l’entusiasmo e la valenza del mio lavoro.

Gli incontri giusti per l’ intervista in arrivo

Così, fra centinaia di spettacoli, corsi, docenze, percepivo una sorta di consumo di relazioni. Macinavo in fretta incontri e contatti. Tuttavia cercavo sempre di sintetizzarne la ricchezza, l’unicità. Perché un incontro non è mai una semplice forma di collaborazione professionale. Non è mai, soltanto, il rapporto che si instaura fra un docente e un allievo. Ogni incontro è uno scambio, un’opportunità di crescita e di evoluzione. Perciò ho pensato che alcune esperienze andavano condivise qui con voi.

Ogni incontro è un’opportunità di crescita

L’intervista mi è sembrato il mezzo migliore. Vi permetterà di scoprire in pochi minuti la storia di uomini e donne che si sono realizzati in diversi ambiti lavorativi, dall’imprenditoria alle istituzioni, dal mondo della moda al web. Ma come sono riusciti a realizzarsi? Con quali basi, con quali strumenti? Quale valore aggiunto hanno ottenuto grazie ai miei corsi? Qualcuno di loro potrebbe rappresentare per voi un modello, un valido confronto o un motore, che vi sproni a fare meglio e di più? O forse a fare di meglio e… di meno! Giacché la gestione qualitativa del tempo e la capacità di rilassarsi sono di fondamentale importanza.

In altri casi, le domande saranno rivolte a personaggi del mondo dello spettacolo, miei ex allievi e collaboratori. Vi racconteranno le strategie acquisite insieme per focalizzare gli obiettivi. Non conta il fatto che appartengano a diversi settori professionali. Poiché esistono delle spinte motivazionali, delle tecniche virtuose e dei processi di problem solving comuni a chiunque viva quotidianamente il rapporto con colleghi, dipendenti, capi, acquirenti.

Dall’ intervista al case study: le testimonianze

A partire da settembre, dunque, qualche intervista in arrivo e dei cases study. Ho scelto di inserire fra gli intervistati, anche chi può dare valore aggiunto al blog indipendentemente dal suo rapporto diretto con me. Mi riferisco alle persone conosciute virtualmente, oppure a certi autori che hanno contribuito alla mia formazione. Tutti sono preziosi testimoni di un sapere condiviso. Lo stesso si può dire dei cases study, vicende reali i cui protagonisti sono testimoni inconsapevoli. Ricordate l’episodio Challenger della Nasa, nell’ambito della comunicazione aziendale intergruppo?

Le interviste per un sapere condiviso

Certamente avrete notato il taglio psicologico che do a tutti gli articoli e alle mie lezioni. Laddove psicologico significa ‘della scienza del comportamento e della mente’. Troppo astratto? Niente affatto. Basti sapere che siccome manca il Nobel per la Psicologia, diversi vincitori dei premi Nobel per l’Economia sono psicologi. Ugualmente, non esiste il Nobel per il Teatro (sostituito dal Premio Tony e dai suoi lontani parenti, gli Oscar per il Migliore Attore, la Scenografia, il Trucco, ecc.). Questa riflessione ci fa capire quanto poco valgano le definizioni e le etichette che attribuiamo ad una professione, a un settore o a un individuo.

L’ intervista in arrivo per parlare di passione

La Giulietta shakespeariana recita:

‘Oh, Romeo, Romeo, wherefore art thou Romeo? Deny thy father, and refuse thy name! or if thou wilt not, be but sworn my love, and I’ll no longer be a Capulet.” E prosegue: “Che cos’è un nome? Quella che chiamiamo rosa anche con un altro nome avrebbe il suo profumo’.

“Quella che chiamiamo rosa anche con un altro nome avrebbe il suo profumo” – W. Shakespeare

Ebbene, anche i miei intervistati saranno come rose. Cioè, pur restando diversamente definiti e connotati dalle proprie competenze, avranno un denominatore comune. Non il colore, non il profumo, per continuare la metafora floreale. Piuttosto, la passione, l’amore per ciò che fanno. Una passione che potremmo definire a energia rinnovabile, dato che nessuno di loro smette mai d’imparare.

Se anche tu fai parte di questo team d’appassionati, se sei pronto a cogliere al volo nuove opportunità di formazione… Allora non perdere nessuna intervista in arrivo, alla pagina Testimonianze.

Anche tu hai qualcosa da raccontare in un’intervista? Scrivi a veronica.talassi@gmail.com

Credit immagini: https://pixabay.com/it/photos/macchina-fotografica-intervista-1867184/ – https://pixabay.com/it/photos/rosa-rossa-rose-fiore-rosa-fiore-320868/ – https://pixabay.com/it/photos/microfono-micro-asta-per-microfono-3315985/ – https://pixabay.com/it/photos/business-uomini-d-affari-3421076/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *